Woody Hayes Biografia, vita, fatti interessanti - Luglio 2022

Allenatore

Compleanno :

14 febbraio 1913

Morto il :

12 marzo 1987



Conosciuto anche per:

Calcio

Luogo di nascita:

Clifton, Ohio, Stati Uniti d'America

Segno zodiacale :

Acquario


Infanzia e vita precoce

Wayne Woodrow Hayes è nato il 14 febbraio 1913 nel Clifton, Ohio. I suoi genitori erano Wayne Hayes ed Effie Hupp. Woody Hayes era un sovrintendente della scuola secondaria.






Formazione scolastica

Woody Hayes ha frequentato la Newcomerstown High School. Ha giocato a baseball, basket e calcio, essendo capitano della squadra di calcio nel suo ultimo anno. Si iscrisse quindi alla Denison University e ottenne una laurea in inglese e storia nel 1935. Nel 1948 studiò alla Ohio State University e conseguì un master in Educazione amministrativa.

Rise To Stardom

Woody Hayes ha avuto il suo primo appuntamento come allenatore alla Mingo Junction High School, dove ha lavorato come assistente allenatore. Il suo prossimo appuntamento fu alla New Philadelphia High School. Ha iniziato come assistente allenatore e poi è diventato l'allenatore principale nel 1838. Nel 1941 lasciò questa posizione per unirsi alla Marina degli Stati Uniti. Al suo ritorno dalla seconda guerra mondiale nel 1946, Woody Hayes divenne capo allenatore della squadra di calcio della Denison University e, successivamente, capo allenatore della Miami University. La sua prossima mossa in carriera fu quella di ricoprire la carica di capo allenatore di football presso la Ohio State University, dove rimase per ventotto stagioni.




The Ohio State University: Head Football Coach

Il record di Woody Hayes per un periodo di ventotto stagioni alla Ohio State University è stato: 238-72-10. Ha allenato la squadra a tredici titoli Big Ten e cinque campionati nazionali.

Premi e risultati

Woody Hayes è stato inserito nella College Football Hall of Fame nel 1983.

Nel 1986, la Grand Lodge of Free and Accepted Masons of Ohio ha consegnato a Hayes il suo premio annuale per il servizio distinto

Vita personale e eredità

Durante la seconda guerra mondiale, Woody Hayes prestò servizio nella Marina degli Stati Uniti. Una volta dimesso, Hayes ricoprì il grado di tenente comandante.

Woody Hayes e Anne Gross sposato nel 1942. La coppia figlio unico, Steven Hayes.

Vita successiva

legnoso La salute di Hayes si interruppe negli anni successivi. Ha subito varie operazioni dopo aver subito un ictus e un infarto. Il leggendario allenatore morì di insufficienza cardiaca il 12 marzo 1987 per insufficienza cardiaca.

eredità

quando Woody Hayes morto nel 1987, l'ex presidente Richard Nixon ha pronunciato l'elogio davanti a una folla di 1.500 al suo funerale il 17 marzo 1987. Nixon ha parlato della loro amicizia. I due uomini si erano incontrati nel 1957 dopo una vittoria di Buckeye sull'Iowa. Più tardi nella presidenza di Nixon, i due uomini divennero buoni amici. Ci fu un memoriale allo Ohio Stadium il 18 marzo 1987 e parteciparono quindicimila persone. La famiglia Hayes ha chiesto che tutte le donazioni a suo nome fossero fatte alla sedia Hayes di Wayne Woodrow negli studi sulla sicurezza nazionale.

Nel 2005, durante l'intervallo di una partita tra Buckeyes e Texas, fu annunciato che ci sarebbero state tre grandi sezioni nello Ohio Stadium per onorare l'allenatore Hayes. Ohio State University ha reso Hayes dottore onorario di scienze umane nel 1986; hanno anche dedicato il Woody Hayes Athletic Center in sua memoria. Nel 1983 è stato inserito nella College Football Hall of Fame. Una strada fuori dallo Ohio Stadium prende il nome da lui.

Michael Rosenberg ha scritto Woody Hayes nel suo libro: War as They Knew It: Woody Hayes, Bo Schembechler e America in a Time of Unrest. Rosenberg, che era uno scrittore sportivo, parla dei due leggendari allenatori e dell'intensa rivalità esistente tra le squadre di calcio della Ohio State University e l'Università del Michigan. Questo iniziò nel 1969 quando Bo Schembechler iniziò a fare coaching alla Michigan University. Il libro esamina il contesto sociale dell'epoca sulla guerra del Vietnam e le proteste studentesche negli Stati Uniti. L'obiettivo principale del libro è la rivalità tra Hayes e il suo ex protetto, Bo Schembechler.

Un altro libro, pubblicato nel 2006, A Fire to Win: The Life and Times of Woody Hayes, esamina la vita di Hayes, inclusi i suoi enormi successi come allenatore; così come il suo lato altruistico che non pubblicizzava pubblicamente. Il libro è stato scritto dopo le interviste agli ex assistenti allenatori, giocatori e amici.

controversie

Nel 1956, Woody Hayes è stato ammonito dall'Università quando ha dato assistenza finanziaria ad alcuni atleti. La sua buona intenzione è stata pagata di tasca sua quando uno studente non aveva abbastanza vestiti. I Big Ten hanno successivamente autorizzato le scuole a disporre di fondi per il prestito per garantire che i giocatori bisognosi potessero ottenere assistenza finanziaria immediata.

Woody Hayes era noto per il suo carattere irascibile. Nel 1956, stava tentando di dare un pugno allo sceneggiatore sportivo Al Bine quando colpì accidentalmente un altro uomo sulla schiena. Nel 1965, fu costretto a trattenersi dall'iniziare un combattimento con Forest Evashevski, il direttore atletico dell'Iowa all'epoca. Ha spinto una macchina fotografica nel volto dei fotografi nel 1973, e questo ha comportato la multa di Hayes di $ 2000 e la sospensione di tre giochi. Poi, nel 1977, ha accusato Mike Freedman della ABC, un cameraman che ha filmato l'incidente. Ancora, Woody Hayes è stato multato per $ 2000. Alla fine, nel 1978, dopo aver preso a pugni uno studente durante il Gator Bowl del 1978, Hayes fu licenziato dalla sua posizione di capo allenatore. L'incidente del 1978 coinvolse Charlie Baumann, della squadra della Clemson University. Le Tigri guidavano i Buckeyes 17-15 verso la fine del quarto trimestre quando avvenne l'incidente.

Nonostante le controversie, nel loro necrologio, il New York Times ha commentato che nonostante le sue manifestazioni di temperamento, Woody Hayes era conosciuto come un uomo premuroso e compassionevole che infondeva una feroce lealtà nei suoi giocatori e in altri che lo conoscevano bene.