Sergei Diaghilev Biografia, vita, fatti interessanti - Luglio 2022

Giornalista

Compleanno :

31 marzo 1872

Morto il :

19 agosto 1929



Conosciuto anche per:

Critico, cantautore, ballerino, coreografo

Luogo di nascita:

Selischi, Chudovsky, Russia

Segno zodiacale :

Ariete


Sergei Diaghilev era un famoso mecenate russo, che aprì la strada a un cambio di paradigma nella danza classica incorporando altre forme d'arte come musica, moda e pittura con la leggendaria forma di danza. Ha fondato il Balletto russo , che è considerata una delle compagnie di danza più significative della storia.

Diaghilev è andato in tournée in tutto il mondo con la sua compagnia di danza producendo spettacoli di balletto che hanno lasciato il pubblico incantato. Il balletto Russes divenne una mecca delle arti poiché assistette a collaborazioni indimenticabili tra scrittori, pittori, designer, ecc. E nutrì giovani coreografi e ballerini.

Primi anni di vita

Sergei Pavlovich Diaghilev era nato il 31 marzo 1872 in una ricca famiglia a Selischi, Governatorato di Novgorod (ora nel distretto di Chudovsky). Dopo la morte della madre di Diaghilev, suo padre sposò una ragazza di nome Elena Valerianovna Panaeva. Diaghilev era vicino alla sua matrigna, la cui arte inclinazioni avuto un enorme influenza sulla sua vita .

Dopo che la sua famiglia fallì, Diaghilev andò all'università di San Pietroburgo per perseguire la legge. Contemporaneamente, ha iniziato anche a prendere lezioni di piano. All'università, Diaghilev iniziò a mescolarsi con una cerchia informale di studenti che si dichiararono intellettuali e sostenitori dell'arte e dell'estetica. Il gruppo fu chiamato I Nevsky Pickwickians.

Sergei Diaghilev ha assorbito molte conoscenze sull'arte russa e occidentale e ha intrapreso numerosi viaggi nell'Europa centrale dove ha socializzato con compositori, artisti e filosofi. Dopo essersi laureato all'università, Diaghilev, scoraggiato dal suo insegnante, ha rinunciato al suo sogno di diventare un compositore. Era destinato a diventare un mecenate delle arti.






carriera

Principe Serge Wolkonsky , il direttore dei Teatri Imperiali, occupato Sergei Diaghilev supervisionare la produzione del balletto integrale di Léo Delibes Sylvia. Ma le idee rivoluzionarie di Diaghilev e gli intricati disegni si scontrarono con l'approccio più ortodosso di Wolkonsky.

Diaghilev era espulso dai Teatri Imperiali nel 1901. Per i prossimi anni, Diaghilev si dedicò a mostre d'arte e concerti di musica in Europa, principalmente in Francia. La sua produzione di successo del famoso opera Boris Godunov di Modest Mussorgsky spianò la strada alla creazione di balletti russi.

La compagnia di balletto fu un successo immediato. La ballerina americana Isadora Duncan ha ispirato Diaghilev. Le composizioni di Richard Wagner e le idee del noto autore francese Charles Baudelaire lo incuriosirono. L'infusione di Duncan nell'arte e l'estetica della Grecia classica nel balletto, liberandola dal suo bozzolo rigido e facendo da pioniere in un nuovo stile espressivo moderno della forma della danza ebbe un'impressione duratura su Diaghilev che aspirava a fare lo stesso.

La sua compagnia vanto di prima ballerine come Anna Pavlova e Tamara Karsavina così come coreografi e ballerini famosi come Adolph Bolm e Vaslav Nijinsky, quest'ultimo spesso acclamato come il maschio più eccellente ballerina del 20 ° secolo.

Sergei Diaghilev commissionato a compositori esperti come Erik Satie, Igor Stravinsky, Claude Debussy, Sergei Prokofiev, Richard Strauss, Maurice Ravel, ecc. Con Stravinsky, Diaghilev ha avuto una proficua collaborazione che ha portato a lavori come The Firebird, The Rite of Spring, Petrushka e Pulcinella, quest'ultimo con scenografie e costumi disegnati da Pablo Picasso.

Diaghilev rese il balletto più attraente per la massa comune. Ha incorporato la rivoluzione moderna nell'armonia musicale e nel metro, creando una forma fluida, ritmata e sofisticata di balletto. Gli atti di balletto appariscenti e inclusivi di Diaghilev sono influenzati Fauvismo e Movimenti artistici Art Deco .

Pubblica il Rivoluzione d'ottobre del 1917 , Sergei Diaghilev rimase per lo più in esilio. Come altri grandi artisti dell'epoca, gli storici sovietici hanno soppresso il suo contributo alle arti. Negli anni successivi, Il balletto Russes subì delle perdite e fu ritenuto elitario e troppo intellettuale. Non ha goduto del glorioso successo delle prime stagioni.

Vita personale

Sergei Diaghilev era omosessuale e aveva una relazione burrascosa Vaslav Nijinsky . Fu devastato quando Nijinsky si sposò nel 1913. L'impresario temperamentale respinse di conseguenza Nijinsky.

La maggior parte della Balletto russo i ballerini ne avevano un affettuoso ricordo, ricordandolo come un solenne intenditore d'arte che si dedicava interamente alla causa delle arti. Diaghilev ha sofferto a lungo di diabete ed è deceduto il 19 agosto 1929 a Venezia.