Martin Buber Biografia, vita, fatti interessanti - Luglio 2022

Filosofo

Compleanno :

8 febbraio 1878

Morto il :

13 giugno 1965



Luogo di nascita:

Vienna, Vienna, Austria

Segno zodiacale :

Acquario


Martin Buber è nato nel 8 febbraio 1878 . Lui era un Filosofo ebreo. Era anche un educatore, saggista, traduttore, editore e pensatore religioso. Ha sviluppato la filosofia di focus dell'educazione del carattere e ha avviato la creazione di centri di educazione ebraica in Germania e di centri di formazione per insegnanti in Israele.

Primi anni di vita

Martin Buber è nato nel 8 febbraio 1878 , nel Vienna . Era nato Else e Carl Buber. Nel 1882, i suoi genitori si separarono, e quindi non poté più vivere con loro. È cresciuto in Ucraina con i suoi nonni, Salomone e Adele Buber. Suo nonno gli insegnò l'ebraico e lo introdusse anche alla teologia ebraica. Ha sviluppato un interesse per il sionismo e la letteratura chassidica. Fu educato a casa da sua nonna dopo che la proprietà del nonno fu confiscata durante la seconda guerra mondiale.

Martin Buber imparato l'ebraico, il latino, il greco, il tedesco e il polacco tra le altre lingue. In seguito si allontanò dagli insegnamenti ebraici e si concentrò sulle opere di Immanuel Kant, Fredrich Nietzsche, e Soren. Ha poi preso la filosofia all'università. Nel 1899, incontrò la sua futura moglie, Paula Winkler Ha studiato storia e filosofia dell'arte a Zurigo, Vienna, Lipsia e Berlino. Nel 1904, ottenne il dottorato per la sua tesi di laurea Misticismo tedesco.






carriera

Nel 1900, Martin Buber si trasferì con sua moglie a Berlino, dove soggiornò il suo amico Gustav Landauer. Nello stesso anno, si trasferì nuovamente con la sua famiglia a Heppenheim, Francoforte, dove trovò lavoro come montatore. In seguito si incontrò Franz Rosenzweig con cui è diventato buon amico. Dopo la guerra divenne professore presso il Jewish Education Education Center. In seguito Franz lo persuase a tenere lezioni su studi religiosi ebrei e motivi etici a Francoforte. Nel 1937, si trasferì in Palestina.

Martin Buber ha insegnato filosofia sociale a Gerusalemme. Fu anche coinvolto nel movimento ebraico di chassidismo. Successivamente è stato impiegato come editore della 'Il mondo' che era un settimanale che era il principale documento del movimento sionista. Nel 1904, abbandonò i suoi sforzi nel lavoro organizzativo sionista per concentrarsi sulla scrittura e lo studio. Ha studiato edizioni pubblicate di testi mitici. Nel 1916, si trasferì a Berlino dove fondò la Consiglio nazionale ebraico. Nel 1923, scrisse il saggio 'Io e te ’ che fu successivamente tradotto in inglese come ‘ Io e tu ’. Nel 1925, in collaborazione con Franz, interpretò il Bibbia ebraica in tedesco.

Nel 1930, Martin Buber è stato nominato professore onorario all'Università di Francoforte. Nel 1933, si dimise dal suo incarico per quanto riguarda l'empowerment di Adolf Hitler. Nello stesso anno, fu esentato dal tenere conferenze dalle autorità naziste. Fu anche espulso dagli autori nazionalsocialisti ’ Associazione. In seguito ha formato il Ufficio centrale per l'educazione degli adulti ebrei che ha fornito istruzione agli ebrei. L'ufficio fu successivamente chiuso dalle autorità naziste.

Nel 1938, Martin Buber è andato a Gerusalemme dove è diventato un professore all'università ebraica. Ha tenuto lezioni di antropologia e sociologia. Alcuni dei suoi lavori durante la sua carriera inclusi 'I racconti del rabbino Nachman', 'Tre discorsi sull'ebraismo', 'Io e tu'. e ‘ The Hidden Light ’ tra tanti altri.

Premi e risultati

Nel 1951, Martin Buber ricevuto il Premio Goethe dell'Università di Amburgo. Nel 1953, gli fu assegnato il Premio per la pace del commercio del libro tedesco. Nel 1958 e 1961, ha ricevuto il Premio Israele nelle discipline umanistiche e il Premio Bialik per il pensiero ebraico rispettivamente. Nel 1963, ha vinto il Premio Erasmus ad Amsterdam.




Vita personale

Martin Buber sposato Paula Winkler con cui ha avuto due figli. Muore il 13 giugno 1965 a Gerusalemme. Morì all'età di ottantasette anni.