Biografia di Larry Clark, vita, fatti interessanti - Luglio 2022

direttore

Compleanno :

19 gennaio 1943

Conosciuto anche per:

Produttore cinematografico, fotografo



Luogo di nascita:

Tulsa, Oklahoma, Stati Uniti d'America

Segno zodiacale :

Capricorno

Zodiaco cinese :

Cavallo

Elemento di nascita:

acqua


Larry Clark è un Fotografo, regista e produttore americano noto soprattutto per il suo lavoro su adolescenti impegnati in attività discutibili.

Si occupa dei temi dell'uso illegale di droghe e alcol, violenza, attività sessuale minorile, relazioni familiari disfunzionali, pregiudizio razziale, intolleranza religiosa e bigottismo.

Primi anni di vita

Lawrence Donald Clark è nato nella città di Tulsa, in Oklahoma 19 gennaio 1943. Suo padre era un venditore che era spesso in viaggio e non trascorreva molto tempo a casa. Sua madre era una piccola fotografa e ha iniziato a lavorare con lei all'età di tredici anni, iniziando a imparare il mestiere lungo la strada. Ha studiato fotografia presso la Layton School of Art a Milwaukee, Wisconsin. Nel 1964, fu arruolato per servire nella guerra del Vietnam, come parte di una divisione che forniva munizioni alle unità che combattevano nel nord.






fotografia

Dopo il ritorno dalla guerra, Larry Clark ha iniziato a lavorare come fotografo freelance a New York City. Dal 1963 al 1971, ha spesso usato la sua macchina fotografica per documentarsi con i suoi amici usando droghe. Ha pubblicato le fotografie risultanti nella raccolta chiamata &Ldquo; Tulsa, ” riuscendo a scioccare le persone mostrando che il consumo di droga era comune nelle comunità suburbane e non solo negli ambienti urbani.

Nel 1983, ha pubblicato “ Teenage Lust, ” una raccolta di foto di adolescenti che usano droghe e fanno sesso. Le fotografie erano basate sulla sua vita e sulle sue esperienze, ma rappresentate attraverso altre persone.

Le fotografie di Clark possono ora essere trovate come parte di collezioni pubbliche in alcuni musei diversi come il Museum of Photographic Arts, il Whitney Museum of American Art e il Museum of Fine Arts di Boston.

Film

Di Larry Clark dirigere la carriera è iniziato nel 1993 quando ha diretto il video musicale per “ Solitary Man ” di Chris Isaak.

Nel 1995, Clark ha diretto il suo primo e più famoso film, Bambini. La storia ruota attorno a un gruppo di adolescenti di New York City coinvolti nella sottocultura dello skateboard. Ci sono molte scene che descrivono il consumo occasionale di alcol e droghe, nonché scene sessuali grafiche.

Successivamente, Clark ha continuato a lavorare come regista e produttore, realizzando diversi film nei successivi due decenni, tra cui Bully, Teenage Caveman, Marfa Girl, e altri.

Il suo film più controverso è stato probabilmente Ken Park, uscito nel 2002. ruota attorno alle disfunzionali vite domestiche di diversi adolescenti che vivono in California. Contiene scene più violente e grafiche di qualsiasi altro film che ha realizzato, incluso un momento di asfissia erotica. Per questo motivo, è stato vietato in Australia e non è stato rilasciato negli Stati Uniti.

Di Larry Clark il lavoro è stato oggetto di opinioni diverse dagli spettatori. Alcuni lo considerano sfruttamento e pornografia infantile limite; altri credono che sia una rappresentazione accurata delle dure realtà della vita e della cultura giovanile.

Nel complesso, i critici professionisti hanno avuto una risposta positiva ai film di Clark, dandogli buone recensioni. Ha anche vinto numerosi premi ai festival cinematografici, come ad esempio lo Stockholm Film Festival, il Rome Film Festival, e il Cognac Police Film Festival. È stato anche nominato per la Palma d'oro e il Leone d'oro. Registi come Martin Scorsese e Gus Van Sant hanno ammesso di essere stati ispirati dai suoi primi lavori.




Vita personale

Larry Clark ha lottato con farmaci tutta la sua vita. Questo è il motivo per cui l'abuso di droghe è l'argomento più frequente nel suo lavoro. Ha iniziato a iniettare anfetamine con i suoi amici nel 1959, quando aveva solo sedici anni. In un'intervista del 2016, ha rivelato che nonostante fosse stato un tossicodipendente per tutta la vita, è riuscito a rimanere completamente sobrio durante la realizzazione dei suoi film, assicurandosi di non compromettere la produzione.