Jack Unterweger Biografia, vita, fatti interessanti - Luglio 2022

Giornalista

Compleanno :

16 agosto 1950

Morto il :

29 giugno 1994



Conosciuto anche per:

Assassino

Luogo di nascita:

Judenburg, Stiria, Austria

Segno zodiacale :

Leone

Zodiaco cinese :

Tigre

Elemento di nascita:

metallo


Jack Unterweger è nato il 16 agosto 1950 a Judenberg, in Stiria, in Austria. Era un Assassino austriaco coinvolto in diversi omicidi di prostitute in alcuni paesi.

La sua prima condanna fu nel 1974 quando lui ucciso una prostituta ed è stato rilasciato nel 1990 dopo un riuscito programma di riabilitazione. Per un breve periodo, si è avventurato nel giornalismo prima di impegnarsi in diversi omicidi seriali dopo mesi di recitazione.

Jack Unterweger è stato condannato per nove omicidi e condannato al carcere dove si è tolto la vita impiccandosi. È morto 29 giugno 1994, quarantatré anni.

Primi anni di vita

Jack era conosciuto come Johann Jack Unterweger è nato nel 16 agosto 1950 , a Judenberg, Stiria, Austria. Sua madre lo ha dato alla luce a Graz poco dopo essere stata scarcerata.

Dopo il secondo arresto di sua madre nel 1953, andò a vivere con i nonni in Carinzia. A seguito delle circostanze della sua nascita e dell'educazione, iniziò a indulgere in piccoli crimini da giovane e fu mandato in prigione diverse volte.

È stato anche tenuto dietro le sbarre per aver molestato una volta la prostituta. Ha anche scontato una pena detentiva tra il 1966 e il 1975 per sedici crimini di molestie sessuali.






Omicidi e condanne

Con una vita criminale incallita e precedenti penali, Jack Unterweger ha continuato nella sua ricerca per commettere altri omicidi. Nel 1974 strangolò una diciottenne tedesca conosciuta come Margaret Schafer usando il suo reggiseno. Fu arrestato due anni dopo nel 1976 e condannato all'ergastolo dove fu ispirato a scrivere diversi libri tra cui racconti, opere teatrali e poesie.

Jack Unterweger ha scritto la sua autobiografia intitolata Purgatorio o Il viaggio in prigione - Rapporto di un colpevole che è stato successivamente adattato in un documentario. Nel 1985, le petizioni per concedergli la condizionale furono presentate al presidente australiano Rudolf Kirchschlager.

Il presidente gli ha negato la condanna dichiarando che secondo la sentenza del tribunale avrebbe dovuto scontare un minimo di quindici anni. Dopo aver completato i suoi quindici anni di prigione, fu rilasciato il 23 maggio 1990. Le sue opere che furono fatte in prigione divennero popolari poiché la sua autobiografia divenne un argomento nelle scuole e i suoi racconti per bambini furono narrati nelle radio.

Jack Unterweger ha trovato lavoro come giornalista ospitando programmi televisivi in ​​cui ha discusso argomenti sulla riabilitazione. Era anche un dipendente di ORF, di cui era giornalista diversi crimini per omicidi.

Il pubblico lo aveva immaginato come una persona cambiata che ha vissuto una vita normale dopo un programma di riabilitazione riuscito. Tuttavia, è stato successivamente arrestato per aver ucciso una prostituta conosciuta come Blanka Bockova in Cecoslovacchia.

Jack Unterweger è stato anche riconosciuto colpevole di altri sette omicidi in Austria tra il momento in cui è stato rilasciato e il suo arresto. Tutti i crimini sono stati commessi allo stesso modo di una volta che aveva commesso prima strangolando le sue vittime usando i loro reggiseni. Nel 1991, ha iniziato a lavorare per una rivista australiana dove ha scritto sul crimine e le diverse opinioni sulla prostituzione in Europa e in America.

Ha viaggiato a Los Angeles per fare ulteriori ricerche dove anche tre prostitute era stato aggredito e assassinato. Sebbene la polizia sospettasse che avesse commesso gli omicidi, mancavano prove del fatto che avesse commesso i crimini.

Dopo molte indagini, furono stabiliti i contatti che lo collegavano agli omicidi, e lo fu arrestato su 27 febbraio 1992 , a Miami, in Florida, dall'FBI.

Jack Unterweger fu trasferito in Austria il 27 maggio dello stesso anno e fu accusato undici conteggi di omicidi di cui tre a Los Angeles e uno a Praga. Fu condannato per nove omicidi su undici e condannato all'ergastolo il 29 giugno 1994, senza spazio per la libertà condizionale.

Mentre scontando la sua pena detentiva in Graz-Se carcere, si suicidò unendosi ad alcuni lacci e corde e si impiccò. Il rapporto del dottore affermava che aveva un disturbo narcisistico della personalità che lo portò alla morte il 29 giugno 1994. Aveva quarantatré anni al momento della sua morte.