Galileo Galilei Biografia, vita, fatti interessanti - Giugno 2022

Astronomo

Compleanno :

15 febbraio 1564

Morto il :

8 gennaio 1642



Conosciuto anche per:

Matematico filosofo ribelle scienziato fisico, scienziato

Luogo di nascita:

Pisa, Italy

Segno zodiacale :

Acquario


Infanzia e vita precoce

Nel 1564, Galileo Galilei è nato in Pisa . Era il maggiore di sette figli. Suo padre Vincenzo Galilei era uno studioso e un musicista di talento. Il Galilei ’ s erano una illustre famiglia fiorentina. Sua madre lo era Giulia Ammannati di Pescia . La famiglia si stabilì Pisa . Galileo ’ s fratello Michael era un musicista. Due sorelle, Virginia e Livia , si sposò e rimase a Firenze. Non ci sono documenti ufficiali degli altri suoi fratelli, solo i loro documenti di nascita.






Formazione scolastica

Galileo primo tutor è stato Jacopo Borghini in Pisa . Quindi quando la famiglia tornò a Firenze nel 1575, Galileo fu inviato al monastero di Santa Maria in Vallombrosa per essere educato. Nel 1758, divenne un novizio; ma suo padre non approvava. Invece, suo padre fece domanda senza successo per una borsa di studio per suo figlio all'Università di Pisa, Galileo , quindi, tornò al monastero e finì la sua scuola lì. Nel 1551, si iscrisse come studente di medicina all'Università di Pisa.

Mentre studia medicina, Galileo Galilei si ritrovò attratto dalla matematica. Nel 1553, fu istruito in matematica da Ostilio Ricci, un amico di suo padre. Ha compiuto notevoli progressi con la sua ricerca di matematica e, nel 1585, Galileo abbandonato i suoi studi di medicina. Tornò a Firenze e si concentrò sullo studio di Archimede ed Euclide.

Nel 1589, Galileo premiato con la cattedra di matematica all'Università di Pisa. Durante il suo mandato, stava lavorando al suo famoso De Motu. Queste scoperte furono l'inizio della sua tesi contro la fisica aristotelica. Tre anni dopo, si trasferisce all'Università di Padova e continua il suo lavoro.

Telescopi ottici

Nel 1600 fu inventato il primo telescopio ottico. Galileo Galilei non l'ha creato, ma è stato il primo ad usarlo per studiare il cielo notturno e registrare ciò che ha scoperto. Basato sui primi disegni olandesi, Galileo costruì un telescopio nel 1609. Nel gennaio del 1610, annunciò di aver visto quattro oggetti in orbita attorno a Giove. Ha pubblicato i suoi risultati in Sidereus Nuncius (Il messaggero stellato), che ha offerto osservazioni sulle stelle nella Via Lattea e commenti su superfici ruvide sulla luna. Galileo chiamò le lune di Giove dopo la famosa famiglia dei Medici: stelle medicee. Successivamente Cosimo II lo fece filosofo e matematico per la famiglia Medici.




Le osservazioni di Galileo

La luna

Galileo Galilei scoperto che la superficie della luna era ruvida, con varie depressioni. Notò che sembravano esserci montagne e valli, proprio come la terra. Ha calcolato le altezze di queste montagne usando la geometria. Secondo il pensiero aristotelico, la luna era un corpo celeste e perfetto.

Lune di Giove

Una stretta osservazione di Giove rivelò quattro oggetti e Galileo li identificò come lune in orbita attorno al pianeta. Questa scoperta mise in dubbio il modello tolemaico, essendo la prima volta che oggetti erano stati visti in orbita attorno a un pianeta diverso dalla terra. Queste quattro lune sono oggi conosciute come Satelliti della Galilea .

Le fasi di Venere

Galileo Galilei osservò che il pianeta Venere attraversò una sequenza di fasi, simile alla Luna.

Ancora una volta, questo mise in discussione la teoria tolemaica e sostenne la teoria di Copernico.

Le macchie solari

Galileo Galilei fu uno di alcuni astronomi ad osservare le macchie solari. C'è stato un dibattito tra gli astronomi del giorno sul fatto che questi punti fossero superfici sul Su o satelliti. Galileo supportato l'argomento sunspot. Ancora una volta, questa osservazione contraria alla teoria del cosmo perfetto aristotelico.

Anelli intorno a Saturno

Galileo osservarono due appendici su Saturno che apparvero, poi scomparvero. Questi sono stati identificati da uno scienziato olandese come anelli attorno a Saturno.

Stelle nella Via Lattea

Galileo Galilei osservò che attraverso un telescopio le stelle apparivano come punti di luce e scoprì che era a causa della loro distanza dalla Terra. Ha trovato il via Lattea e si rese conto che conteneva migliaia di stelle invisibili che gli fecero chiedere perché ci fossero così tanti oggetti invisibili nel cielo notturno.

Conflitto

Scienziati e teologi del tempo hanno subito sottolineato questo La teoria lunare di Giove di Galileo contraddetto il modello tolemaico geocentrico dell'universo. Galileo ’ s le scoperte supportarono il modello eliocentrico, che Copernico propose per la prima volta nel 1543. Nel 1616, il libro De Revolutionibus di Nicola Copernico fu inserito in un elenco vietato dal Vaticano. (Rimase proibito dalla chiesa fino al 1815). Il papa ha chiamato Galileo in Vaticano e avvisò che non gli era più permesso sostenere Copernico.

Dialogo riguardante i due principali sistemi mondiali

Galileo Galilei presentò entrambe le parti del dibattito sull'eliocentrismo nel 1632. L'anno seguente, nel 1633, dovette comparire davanti all'Inquisizione romana. Fu accusato di sostenere l'eliocentrismo. Sotto minacce di tortura e accuse di eresia, Galileo fu costretto a ritirare il suo sostegno all'eliocentrismo. Fu messo agli arresti domiciliari e trascorse i suoi ultimi anni a scrivere un riassunto completo dei suoi esperimenti di movimento.

Malattie e disabilità

Galileo Galilei diventato cieco tardi nella vita.

Vita successiva

Dopo la pubblicazione del suo lavoro finale, Galileo visse per altri quattro anni e morì ad Arcetri nel 1642. Aveva 78 anni. Vincenzio Viviani pubblicato un account di Galileo ’ s vita nel 1654.

controversie

La chiesa cattolica accusata Galileo Galilei sostenendo l'eliocentrismo. Doveva comparire davanti all'Inquisizione. Il Vaticano ha rilasciato una dichiarazione formale presso la Pontificia Accademia delle Scienze secondo la quale il Papa aveva chiuso un'indagine di tredici anni su La condanna di Galileo nel 1633.

Nel 1999, una dichiarazione ufficiale alla Pontificia Accademia delle Scienze sabato, i funzionari vaticani hanno dichiarato che il Papa aveva chiuso 13 anni di indagini sulla condanna della Chiesa per Galileo nel 1633. La Chiesa ha successivamente presentato scuse formali.