Anastasia Nikolaevna Biografia, Vita, Fatti interessanti - Luglio 2022

reali

Compleanno :

18 giugno 1901

Morto il :

17 luglio 1918



Luogo di nascita:

Petergof, San Pietroburgo, Russia

Segno zodiacale :

Gemelli


Primi anni di vita

Anastasia Nikolaevna Romanova nacque il 18 giugno 1901 da Nicola II di Russia e da Alexandra Feodorovna. È nata nella casa di Holstein-Gottorp-Romanov. Suo padre, lo zar Nicola II, era l'ultimo sovrano della Russia imperiale e vivevano a San Pietroburgo.

Anastasia Nikolaevna era uno dei quattro figli. I suoi fratelli erano la granduchessa Olga, la granduchessa Tatiana, la granduchessa Maria e Alexei Nikolaevich, Tsarevich della Russia.

Anastasia Nikolaevna inizialmente fu una delusione per i suoi genitori, poiché volevano un figlio in modo che ci fosse un erede al trono. Le quattro sorelle condividevano le camere da letto: le due ragazze più grandi, Olga e Tatiana, condividevano una stanza e le due sorelle più giovani, Anastasia e Maria, condividevano un'altra stanza.

Crescere per essere birichino, Anastasia Nikolaevna gioca spesso brutti scherzi ai suoi tutor e agli altri membri dello staff. Era una bambina amichevole, estroversa, anche se a volte abbastanza malata. Questo è stato lo stesso anche per la sua famiglia, in particolare suo fratello minore, Alexei. È stato infine dimostrato, nel 2009, attraverso i test del DNA, che i bambini erano portatori del gene dell'emofilia, trasmesso dalla madre.






Amico di famiglia e consigliere - Rasputin

Grigori Rasputin era un consigliere di fiducia della madre di Anastasia, Alexandra. Alexandra ha allevato Anastasia e le sue sorelle per avere completa fiducia in Rasputin e per poter condividere segreti e pensieri in confidenza con lui.

Sebbene il rapporto di Rasputin con le ragazze fosse innocente, una delle loro governanti cercò di dipingerlo in una luce offuscata. Voleva che fosse bandito come aveva visto le ragazze con i loro indumenti da notte. Il padre Nicholas chiese a Rasputin di stare lontano dai vivai.

La governante in questione, Tyutcheva, è stata licenziata dalla sua posizione, ma il danno è stato fatto. La famiglia fu scandalizzata. Tyutcheva diffuse bugie e false informazioni su Rasputin.

Nel 1910, l'ennesima governante accusò Rasputin di averla aggredita. La sua richiesta fu investigata e trovata falsa, e anche lei fu licenziata dalla sua posizione tre anni dopo.

Cattive voci continuavano a circolare su Rasputin e il gossip continuava a scandalizzare la famiglia reale. A Rasputin fu ordinato da Nicola di lasciare San Pietroburgo, quindi andò in Palestina in pellegrinaggio. Anche così, la famiglia imperiale continuò ad avere contatti con lui fino al suo omicidio, nel 1916.

Anastasia Nikolaevna e le sue sorelle furono molto turbate quando vennero a sapere della morte di Rasputin. Sua madre, Alexandra, ha partecipato al suo funerale.

Quando furono scoperti i corpi della famiglia imperiale, le quattro ragazze indossavano tutti amuleti che mostravano una foto di Rasputin e una preghiera.

Gli anni dell'adolescenza

Anastasia Nikolaevna e le sue figlie hanno assistito ai soldati feriti durante la prima guerra mondiale, in uno degli ospedali privati. Anastasia e Maria erano troppo giovani per essere infermiere della Croce Rossa, quindi avrebbero giocato con i soldati come dama e biliardo, per cercare di sollevare il morale.




Sconvolgimento politico e arresti domiciliari

Ci furono molti fattori, a lungo e breve termine, che portarono alla rivoluzione russa nel 1917. Il popolo aveva perso la fiducia nel proprio zar e ne seguirono l'anarchia e le proteste.

Nel febbraio di quell'anno, Anastasia Nikolaevna fu posto agli arresti domiciliari, insieme al resto della sua famiglia. Nicola II abdicò a marzo. Dopo che i bolscevichi ottennero il controllo della maggior parte della Russia, trasferirono la famiglia imperiale da Tsarskoye Selo, alla casa Ipatiev a Ekaterinburg.

La Russia ebbe un'altra rivoluzione nell'ottobre del 1917. I negoziati tra la famiglia imperiale e le relazioni estese con i bolscevichi furono sospesi. Le due parti opposte erano i bolscevichi, noti come 'I rossi', e gli anti-bolscevichi, noti come 'i bianchi'.

I Reds sapevano che stavano perdendo terreno. Si resero conto che Ekaterinburg sarebbe caduta sui bianchi. Quando arrivarono i Bianchi, la famiglia imperiale era scomparsa. Gli oggetti appartenenti alla famiglia erano stati trovati gettati in una miniera, e per questo motivo fu accettato che la famiglia fosse stata assassinata. Le note di Yurovsky, un soldato bolscevico, resero conto ai suoi superiori della famiglia e ai loro servitori immediati essere portato nel seminterrato della casa. Furono svegliati dal sonno e dissero di vestirsi mentre venivano spostati in preparazione dei combattimenti che sarebbero seguiti quando i bianchi sarebbero arrivati ​​in città. Quando furono tutti nel seminterrato, i soldati aprirono il fuoco e li uccisero tutti.

Ci sono state segnalazioni contrastanti, alcune affermano che Anastasia Nikolaevna e Maria non furono uccisi immediatamente mentre i proiettili rimbalzavano sui loro corsetti, quindi furono fucilati più tardi. Un altro testimone ha detto che erano baonetti.

Cospirazione Di Sopravvivenza

Per anni in seguito, ne conseguì una cospirazione Anastasia Nikolaevna sopravvissuto alla sera. Sono stati realizzati molti libri e film sull'argomento e oltre dieci donne si sono fatte avanti in momenti diversi, sostenendo di essere Anastasia.

Quando furono trovati i resti della famiglia, mancavano due corpi. Non è stato fino al 2007 che sono stati trovati gli ultimi due corpi, che rappresentano l'intera famiglia.

Santità

Nel 1981, la Chiesa ortodossa russa all'estero, canonizzò la famiglia come 'martiri santi'. Nel 2000, la famiglia è stata canonizzata come 'portatrice di passione'. dalla Chiesa ortodossa russa.

Molto tristemente Anastasia Nikolaevna era solo una giovane donna di 16 anni quando fu assassinata insieme a tutta la sua famiglia.